Invito al Parco

La magia delle quattro stagioni

A seguito di un lungo e impegnativo lavoro di recupero del Parco storico che circonda il Castello di Miradolo, iniziato dieci anni fa per salvarlo dall’abbandono e dall’oblio, la Fondazione Cosso inaugura un filone di attività dedicate alla natura, alla sensibilizzazione e promozione dei temi ambientali e naturalistici.

Dal 2007, quando il Parco versava in condizioni di enorme degrado, la Fondazione ha provveduto, con fondi totalmente propri, a ripulirlo, metterlo in sicurezza e restituirgli dignità. Insieme ad approfondite analisi del patrimonio botanico e a ricerche archivistiche, ha avviato negli anni interventi di valorizzazione che hanno permesso di mettere in luce le ricchezze naturali del giardino, come gli alberi centenari, le specie esotiche, le collezioni di camelie, ortensie, rose.

Nasce così nel 2017 il progetto “Invito al Parco” che ha oggi l’obiettivo di presentare al visitatore la storia del luogo, un meraviglioso giardino privato, che si snoda intorno al Castello di Miradolo, affascinante dimora, ai piedi del Monviso, appartenuta alle famiglie Massel di Caresana e Cacherano di Bricherasio.
Il racconto si sviluppa attraverso un percorso multisensoriale, nuovo e del tutto particolare, con un’esperienza coinvolgente, che avvicina alla natura promuovendone la conoscenza e il rispetto, anche attraverso nuovi supporti alla visita, come audio guide stagionali, piantine, Qr code. Nel Parco sono stati inoltre implementati gli arredi e gli allestimenti, al fine di migliorare la fruizione del luogo.
Grazie a particolari accorgimenti il progetto permette la visita del Parco sia ai soggetti non udenti sia agli ipovedenti; i percorsi di visita sono accessibili alle persone con difficoltà motorie e percorribili in completa sicurezza.
“Invito al Parco” ha l’obiettivo di risultare inclusivo e rendere il Parco del Castello di Miradolo accogliente per il più alto numero di soggetti e di tipologie di pubblico.

In ogni momento dell’anno, lungo tutto il ciclo delle quattro stagioni, si ha la possibilità di ammirare la bellezza della natura attraverso un percorso diverso con le sue variazioni di colori, luci, profumi e suoni. Quattro differenti passeggiate che portano a conoscere nella sua interezza le varietà botaniche del Parco e le loro trasformazioni.

 

 Le novità

> Audio guide stagionali

Un inedito servizio di audio guide stagionali, unite a mappe del Parco, accompagna il visitatore alla scoperta del giardino. La musica completa le tracce audio, rendendo l’ascolto un’esperienza piacevole e avvolgente.

Le audio guide propongono un racconto del luogo emozionale e intimo, che accompagna con delicatezza il visitatore nel Parco, con il rispetto dovuto ad un luogo così denso di storia e di bellezza.

Le audio guide sono un valido supporto per la visita anche per le persone ipovedenti, alle quali viene consegnata una mappa con indicazioni in braille.

> Mappe con QR code

Il sistema dei Qr code rappresenta un supporto per le persone non udenti.

Grazie a mappe arricchite da Qr code il visitatore può scegliere un supporto multimediale per la visita: utilizzando il proprio smartphone o tablet egli può consultare contenuti approfonditi sulla storia del Parco, sulle collezioni botaniche, sugli alberi centenari. Come nel caso delle audio guide i contributi variano ad ogni stagione così da permettere a chi legge di cogliere la diversità e la poesia in ogni periodo dell’anno.

> Sala del Parco

All’interno del Castello di Miradolo, la “Sala del Parco”: uno scenografico allestimento introduce la filosofia e la storia del giardino all’inglese e, attraverso le riprese realizzate nel Parco negli anni e nelle diverse stagioni, sembra prendere per mano il visitatore in un racconto virtuale che unisce parola, immagine e musica.

La sala è pensata anche per le persone con difficoltà motorie le quali non possono spostarsi lungo i sentieri di accesso al Parco.

> Arredi e allestimenti

Il visitatore è accolto da 1 mappa del Parco, collocata all’ingresso.

86 targhette con indicazione di specie e varietà botaniche segnalano i grandi alberi, le piante e gli arbusti più significativi            del giardino e guidano gli ospiti alla scoperta dei nomi, comuni e scientifici, e della terra d’origine dei vari esemplari.

11 pannelli dislocati nello spazio illustrano le aree tematiche del Parco, identificando zone di interesse botanico, storico – architettonico, punti panoramici e vedute particolari.

Eleganti panchine in pietra permettono di sostare in precisi punti del Parco per godere della vicinanza con la natura.

> Libretti didattici

Ai più piccoli sono dedicati i libretti didattici in cui due abitanti del Parco, lo scoiattolo Nocciolino e la lepre Cipria, sarnno le guide alla scoperta del Parco, dei grandi alberi e dei piccoli animali suoi amici.

> Libro del Parco

Nel bookshop del Castello, gli appassionati di natura trovano un libro fotografico, in italiano e in inglese, dedicato al Parco nelle quattro stagioni.

Segui tutti gli aggiornamenti per rimanere informato e clicca qui per il calendario delle attività.