Concerto di Natale – Metamorfosi da Philip Glass

Giunto ormai alla nona edizione, anche quest’anno la Fondazione Cosso presenterà il tradizionale appuntamento con il Concerto di Natale al Castello di Miradolo.

Le sere del 25 e del 26 dicembre, alle ore 21.15, il progetto Avant-dernière pensée, a cura di Roberto Galimberti, proporrà “Metamorfosi”, la propria nuova e intensa ri-lettura della partitura per pianoforte di Philip Glass che, in quest’occasione, sarà orchestrata per trio (violino, violoncello e pianoforte).

La scrittura minimalista di Philip Glass, musicista contemporaneo americano, si basa sulla ripetizione di un’idea musicale che, nel corso delle ripetizioni stesse, viene variata impercettibilmente. In questo caso, il tema delle metamorfosi, cioè del cambiamento nel tempo, non resta tuttavia solo un fatto intellettuale, non si concentra sulla ricerca delle differenze o delle microvariazioni, ma diviene lirico, intenso, appassionato.

Lo stesso tema del tempo trova proprio nella musica – arte del tempo – il suo naturale manifestarsi e compiersi. Grazie a un inedito sistema di ripresa e amplificazione del suono, i musicisti saranno dislocati, ciascuno, in una differente manica del percorso espositivo della mostra dedicata a Fausto Melotti: suoneranno insieme, senza vedersi, ma la loro esecuzione sarà unica e udibile ovunque, grazie a un sistema di diffusione multicanale, studiato appositamente per gli spazi del Castello di Miradolo.

Il legame di Melotti con la musica, la cui scultura viene definita “occupazione armonica dello spazio” e che mantiene stretti legami con la composizione musicale, non soltanto nei titoli delle opere, ma nei riferimenti creativi, sarà esplicitata non solo attraverso un’illuminazione delle opere in mostra sincronizzata all’esecuzione e coerente con l’atmosfera delle armonie, ma anche per il ruolo del pubblico, che potrà muoversi durante il concerto.

Come in ogni realizzazione del progetto Avant-dernière pensée, infatti, anche in questa occasione il pubblico sarà protagonista e potrà fruire dell’ascolto ravvicinato dei singoli strumenti e godere dell’intera partitura in una cornice storica ricca di fascino e suggestione. Le grandi scenografie video e l’oscurità delle sale avvolgeranno il pubblico che, per l’occasione, sarà protagonista privilegiato di un’opera sospesa nel tempo.

 

Biglietti
Intero: 25 euro
Ridotto Abbonati Musei: 22 euro
Ridotto under 30: 15 euro
Gratuito bambini fino a 6 anni di età